Poesie

Il primo dell’anno (Serenella Bettin)

Il primo dell’ anno è arrivato,
e il fato a Monte Giberto mi ha portato,
passando infatti per una mostra di fotografia,
percepì un flash che mi indicò la via,
su per le colline dell’entroterra marchigiano mi inoltrai
e nel buio fitto mi addentrai,
flash di fanali d’auto tagliavano decisi gli arbusti,
con l’immaginazione  potei scorgere i fusti,
non un’ anima per le vie ondulate,
mai avrei detto di incontrare un frate,
più che un frate era un parroco in borghese,
che gentilmente mi aprì la Chiesa montegibertese,
la Chiesa a San Nicolò è dedicata
e dentro l’ Ultima cena è raffigurata,
si tratta di un dipinto del 1602,
non un tentativo di imitare Cimabue,
quanto piuttosto a Caravaggio ci si volle avvicinare,
e venne dipinta per il maggiore altare,
una delle poche opere concepita verticalmente,
osservandola, chissà cosa potrà partorire la mente.
Spirito, anima e corpo a Monte Giberto potrai rinnovare,
se riesci a captare quella sensazione di benessere maestrale.
Se riesci per le colline a salire,
solo il silenzio potrai percepire,
non un rumore, non uno stramazzo,
qui non sanno nemmeno cosa sia il chiasso,
di 800 anime il Paese è popolato,
e di 322 metri è sopraelevato.
Subito di benessere mi sono sentita pervasa,
ringrazio il flash che mi ha persuasa.

FILASTROCCHE (tratte da http://www.ortensiafolk.it )

Le donne de li paesi

Le donne de lu Trucchià
Co la quarta misura lo gra’
E la fa ‘na bbona misura
Vutta jò che è bbona la luna.
E le donne de Ponzà
Pe tre sordi va’ a monnà
Nove sordi tre jornate
Povere donne sfurtunate.
Le donne de Munticiverto
Chiappa l’ommini pe lo petto
Se li porta d’un cammirì
E jè leva li quatrì.
E le donne de Mondato
Scopre lu culu e ‘mmanda lo capo
E quelle de Montottò
Scopre de jò e ‘mmanda de su.
Le donne de Monterapò
Fa li pagni senza sapò
Dà ‘na bbotta ‘ccima le pietre
Zicchete innanze e zicchete arrete
Dà ‘na bbotta ‘ccima le pianghe;
zicchete arrete, zicchete innanze.
E le donne d’Ortezzà
A dè ‘rrabbiate pe’ ballà
Quanno sente l’urghinittu
Vutta per terra lu fazzulittu.

LU JOVENOTTU IN CERCA DE MOJE

La donna quanno è bella se ‘rconosce da lo camminà
Dà ‘na bbotta a la ciavarnella
Manna lu culu de qua e de ‘lla.
La donna quanno è sverda se ‘rconosce de lu telà
Preme li licci, batte le casse
Manna la gruva ‘n in qua ‘n in là.
Se ne ‘ccorge ‘n giovinettu,
dà ‘nu sficcu e zomba là
glielo dice:”bella fijia ,se te voi marità…”
“Se è condendu vabbu e mamma
questa è ‘na cosa che se po’ fa’
tu d’hai da pijà mojie,
io me d’ajio da marità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *